Sono un agente del caos. E sai qual è il bello del caos? E’ equo. (cit.)

26 nov

72871

On air - I’m not like everybody else - The Kinks

“Ma lo vedi come sei?”
“Come sono?”
“Un casino!” – ed è stata proprio mia madre a dirlo.
Un casino. Chi non è un casino?
Conosco almeno una decina di grossi casini che deambulano intorno a me.
I più incasinati sono quelli che si rendono conto di esserlo e che non fanno niente per riallinearsi. Quelli che mamma mi ha fatto così e tutti devono abbozzare. Quelli che non conoscono margine di miglioramento. Quelli che non si sfidano, che non cavalcano l’onda del caos con un surf a tinte fluo. Quelli che ancora pensano che essere incasinati è essere fighi.

Un casino è Angie che mi racconta di come abbia pensato a me subito dopo un rapporto sessuale, mentre il suo uomo la teneva per le caviglie incitandola a fare la candela ed incitando tutti gli spermatozoi maratoneti a fecondarla. E’ ovvio come le motivazioni di questo suo pensiero mi siano ignote. Io non incito spermatozoi. Non l’ho mai fatto. Posso aver incitato un calciatore, un nuotatore, un cavallo da corsa, me stessa col carrello mentre cercavo di arrivare prima alla cassa del supermercato seminando tutte le vecchie stronze coi carrelli piramidali. Posso aver incitato tutta questa gente, ma gli spermatozoi no.

Un casino è Becky a cui non sta più bene niente e che non vedo da troppi giorni. E che esce struccata e scapigliata e con le magliette peggiori della collezione peggiore dell’annata peggiore di Pimkie. E non aggiungo altro.

Un casino è Patrizio che ride sempre, anche quando non c’è davvero un cazzo da ridere. Che fischietta alla vita con una naturalezza che ti fa venir voglia di chiedergli ripetizioni di Prenderla con Filosofia. Ché è una materia che dovrebbero introdurre nelle scuole. Un’ora di Prenderla con Filosofia a settimana e saremmo tutti sulla buona strada per patrizizzarci, per ripulire i nostri chakra come nemmeno un fastello di incensi sarebbe in grado.

Un casino è Sofia a cui ancora non è chiaro che espressioni come “farsela prudere” o “pompini a vapore” sono piuttosto volgari e non andrebbero ripetute in pubblico. Soprattutto davanti al suo datore di lavoro.

Un casino è quando torni a casa e sei da sola e pensi “Meno male, sono da sola!” e lanci il cappotto sul divano e le scarpe in corridoio, e poi, dopo trenta secondi, pensi “Porca puttana, sono da sola!” e raccogli il cappotto per metterlo a posto, raccogli le scarpe per ordinarle nella scarpiera, e mentre passi davanti la libreria pensi sia il caso di fare un po’ di ordine anche lì.

Un casino è quando fai zapping e incappi in Shining, e scatti in piedi per accendere le luci di tutta casa perché, passate le 23, il bambino che ripete redrum redrum redrum con la voce bassa e roca è un fattore troppo ansiogeno da tollerare. E un casino ancora più grosso è quando lo stesso film lo sta vedendo Francesco, che risponde al tuo “Pronto ?”con un “Sono il lupo cattivo!” e tu ridacchi ma, vagamente, ti inquieti.

E allora pensi che in fondo non sei circondata da casini così grossi.
L’utero di Angie verrà bersagliato di spermatozoi, e lei non penserà più a me post-coitum, perché non avrà tempo, perché dovrà andare a vomitare di corsa.
Becky rinsavirà. E se non lo farà le brucerò l’armadio. Quindi rinsavirà.
Nelle scuole introdurranno il metodo-Patrizio e sarà tutto merito mio. E lui diventerà famoso. E io lo odierò. E lui scriverà libri esplicativi del metodo che avranno un successo mondiale e verranno tradotti in più di trenta lingue. E io lo odierò ancora di più.
Sofia imparerà l’italiano. Che prima dei trentanni succede a tutti, e ne ha ancora ben quattro a disposizione. La buona Wanda mi raccontava sempre di avercene messo uno e mezzo per imparare ex novo la nostra lingua. C’è speranza.

E io imparerò un altro po’ di equilibrio. E a spegnere le luci anche quando in televisione c’è un film che mi fa paura.
Non sarà difficile. I miei mi hanno lasciata vedere IT al buio, da sola, quando avevo sette o otto anni.
Devo solo fare mente locale e ricordare il metodo utilizzato all’epoca per superare il trauma da pagliaccio assassino. Solo quello.

49 Risposte a “Sono un agente del caos. E sai qual è il bello del caos? E’ equo. (cit.)”

  1. itacchiaspillo 26 novembre 2013 a 1:14 AM #

    Sempre più brava a scrivere!

  2. amoreplatonico 26 novembre 2013 a 1:40 AM #

    Io incito te che corri con il motorino per le strade di Roma.
    Diamo fuoco a qualcosa insieme, mi sa che ci farebbe bene.
    Un bacio e sorridi, Cam <3

    • Milla 26 novembre 2013 a 7:57 AM #

      Un bidone della spazzatura?

      • amoreplatonico 26 novembre 2013 a 9:00 AM #

        Posso barattare con prendere a matellate una televisione?

      • Milla 26 novembre 2013 a 9:35 AM #

        Non rientra nella piromania!

      • amoreplatonico 27 novembre 2013 a 12:13 AM #

        Vabbè, allora io distruggo e tu dai fuoco, così rimaniamo in tema u_u

  3. metalupo 26 novembre 2013 a 8:30 AM #

    Wendy, tesoro, luce-della-mia-vita…

    • Milla 26 novembre 2013 a 9:35 AM #

      Wendy… dammi la mazza.

  4. ilgattosyl 26 novembre 2013 a 8:31 AM #

    bellisimo post da leggere di prima mattina. Quoto l’ora di prederla con filosofia…

    • Milla 26 novembre 2013 a 9:43 AM #

      Diventerebbe un po’ come l’ora di religione… no?

      • ilgattosyl 26 novembre 2013 a 10:32 AM #

        nooooo….mica passare tutto il tempo a giocare a figu….

  5. Sir Babylon 26 novembre 2013 a 10:45 AM #

    Anche io ieri sera vedevo Shining con mia sorella. Subito dopo i titoli di coda c’è stato un blackout di un quarto d’ora in tutto il quartiere. Bei momenti.

  6. Paola 26 novembre 2013 a 11:02 AM #

    Bellissimo il racconto… un antidepressivo naturale :)

  7. Paola 26 novembre 2013 a 11:09 AM #

    Per quanto questo post é scritto bene potrebbe essere un racconto
    Questo é il bello di chi legge, interpretazioni diverse

    • Milla 26 novembre 2013 a 11:10 AM #

      Paola sono commossa. Mi devi un Kleenex.

      • Paola 26 novembre 2013 a 11:15 AM #

        :-)))

  8. manutheartist 26 novembre 2013 a 11:14 AM #

    Io ti stimo già solamente per le tue vittorie al supermercato.
    Stronze vecchie con i carrelli come domani fosse l’apocalisse.
    Sul metodo Patrizio…potrebbe insegnarlo anche a me? Ultimamente sono un bel casino di chakra chiusi.
    Pompini a vapore mi mancava proprio. .si impara sempre qcs dai casini altrui ;-)
    Have a nice day

    • Milla 26 novembre 2013 a 11:16 AM #

      …dai miei si imparano sicuramente un sacco di parolacce :p

  9. Michele 26 novembre 2013 a 3:00 PM #

    splendido scritto, e sai, io sono un adoratore del caos, entropico a vita ;)

    • Milla 26 novembre 2013 a 4:47 PM #

      Io invece amo l’ordine. Ma vivo nel caos. Che culo eh?

      • Michele 26 novembre 2013 a 4:48 PM #

        Haahha già. Bel mix

  10. devilkirby 26 novembre 2013 a 4:43 PM #

    quando uno raggiunge l’equilbrio interiore può pure morire no?

  11. sherazade 26 novembre 2013 a 5:06 PM #

    tutto può essere ma non illuderti di imparare a spegnere le luci…io non ci sono ancora riuscita e lascio sempre accesa quella del…bagno.

    sheramanonsonquesticasinihairagione

  12. nanalsd 26 novembre 2013 a 9:06 PM #

    T’ammiro.
    Io ieri appena sono capitata su Shining sono rotolata giù dalla poltrona per afferrare il telecomando e cambiare.

    Hamburger.

    (Ma solo io non trovo mai nulla da Pimkie? Eppoi, che sono i pompini a vapore?)

    • Milla 26 novembre 2013 a 9:14 PM #

      Te lo spiego da Holy Burger.

      • nanalsd 26 novembre 2013 a 9:32 PM #

        Scegliamo un tavolo appartato.

  13. matteoscompa 26 novembre 2013 a 10:39 PM #

    Finalmente “in aria” c’è una gran bella canzone, chi (o cosa) stia amplificando i tuoi gusti musicali è degno di nota. :P

    • Milla 26 novembre 2013 a 10:44 PM #

      Mai ascoltato i Kinks in compagnia.

      • matteoscompa 26 novembre 2013 a 10:50 PM #

        Evidentemente hai carpito bei suggerimenti via web.

      • Milla 26 novembre 2013 a 10:51 PM #

        Evidentemente sopravvaluti il UEB.

  14. blogdibarbara 27 novembre 2013 a 3:43 AM #

    Scusami. Come forse sai sono una vecchia signora, ultrasessantenne per la precisione. Forse non sono riuscita a stare del tutto al passo coi tempi e ho perso qualche colpo, ma non mi vergogno della mia ignoranza, e quando non so chiedo. E dunque: cosa diavolo è un pompino a vapore? Cioè, si mette l’attrezzo su una di quelle pentole col ripiano coi buchini che quando l’acqua bolle il vapore passa sopra e lo cucina senza alterarne le proprietà organolettiche? O nel senso che invece della forza muscolare si applica quella del vapore come al motore delle navi e dei vecchi treni? (E magari il prossimo traguardo sarà il pompino a scoppio e poi quello atomico?) Non che mi immagini che mi aspettino ancora occasioni per mettere a frutto le nuove tecniche, per carità, ma solo così, per amore del sapere.
    Grazie.

    • Milla 27 novembre 2013 a 12:38 PM #

      Io te la vorrei davvero dare una risposta seria, credimi… ma non ci riesco :)

  15. lucecinema 28 novembre 2013 a 1:59 AM #

    Quello sì che è un corso che andrebbe forte e non solo nelle scuole! Gran bel post ;)

    • Milla 28 novembre 2013 a 3:01 PM #

      Grazie :) Avrai una copia autografata del libro del Maestro Pat.

  16. Vuc's 28 novembre 2013 a 2:55 PM #

    I tuoi genitori sono dei folli.
    :-D

    • Milla 28 novembre 2013 a 3:02 PM #

      Tutti trucchi per farmi fare la SCORZA.

  17. anitaliangirl 1 dicembre 2013 a 9:41 PM #

    Pompini a vapore…. Pompini a vapore….
    Ora sono davvero scossa.

    • Milla 1 dicembre 2013 a 9:42 PM #

      Non volevo turbarla, ragazza. :)

  18. sandra 6 dicembre 2013 a 1:50 PM #

    Se te lo ricordi..il metodo dico, lo scriveresti? Per favore?
    Quando sono a casa da sola , io posso vedere solo Dharma e Greg..e devo pure cercare di scacciare dalla mente il ricordo che lui è anche Hotcher (Hotc) di Criminal minds.
    …pensa te come sto messa… :D

    • Milla 6 dicembre 2013 a 1:57 PM #

      Sandra sto facendo del mio meglio.
      Teniamoci aggiornate :)

  19. labyrinthpersephone 14 dicembre 2013 a 9:47 AM #

    Sei bellissima, certe volte, quando ti leggo.
    Già, tutti paiono un casino peggiore di noi, è che basta vedere i lati giusti e lo sono. Ma d’altronde ci avviciniamo per questo, no? Perché siamo casini simili.
    (Ah, tra l’altro la citazione l’ho straapprezzata!)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 1.136 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: